mercoledì 20 settembre 2017

FRANCESCO MONTANARI E IT. Al PROGETTO LUNGA VITA

L'IMPORTANZA DI LEGGERE I CLASSICI

FRANCESCO MONTANARI recita ITALO CALVINO
accompagnato dall'Orchestra sinfonica dei Quartieri spagnoli di Napoli
a cura di Davide Sacco


19 settembre ore 21.00

Teatro Marconi



Ieri sera, nell'ambito del progetto LUNGA VITA, PRESSO IL Teatro Marconi è andato in scena Francesco Montanari, proponendo  L'IMPORTANZA DI LEGGERE I CLASSICI una lettura  tratta da , un saggio Italo Calvino, che diede anche l nome alla raccolta: "Perchè leggere i classici" pubblicata postuma nel 1991: L'attore è stato accompagnato dall'Orchestra Sinfonica dei Quartieri Spagnoli di Napoli. Si mescolano quindi in questo spettacolo, didattica, attenzione al sociale, uso "spregiudicato" della cultura, nella migliore delle accezioni possibili, voglia di mettersi sempre di più in gioco. Sul palco c'è l'orchestra, composta, per la maggior parte da ragazze e ragazzi di giovane età, mentre Montanari, dopo un primo attacco di lettura "invisibile" arriva e si immerge nella platea, a diretto contatto con il pubblico., con cui interagisce mettendolo vis a vis con "It" Musica e lettura, alternate quindi. Quello che mi auguro per quest'operazione culturale, è, oltre ad avere una futura vita teatrale in senso stretto, che possa anche arrivare direttamente dentro le scuole.
Miriam Comito



Il 19 settembre FRANCESCO MONTANARI recita ITALO CALVINO. Alle ore 21.00 l'attore, accompagnato dall'Orchestra sinfonica dei Quartieri spagnoli di Napoli, sarà ospite del Progetto Lunga Vita, la manifestazione organizzata da Tradizione Teatro che fino al 24 settembre vedrà susseguirsi ogni giorno per oltre quattordici ore consecutive spettacoli teatrali, proiezioni, retrospettive, balletti, esposizioni artistiche, performance, meeting, residenze e workshop. Tanti gli artisti coinvolti in questo progetto voluto dal direttore artistico Davide Sacco e dalla direttrice organizzativa Ilaria Ceci, rientrante nel programma dell'Estate Romana 2017 con il contributo di Roma Capitale e in collaborazione con SIAE. Ad ospitare la manifestazione saranno le tavole del palcoscenico del Teatro Marconi di Roma.

Un classico è un libro che non ha mai finito di dire quel che ha da dire”, è da questo presupposto che nasce l'incontro con Francesco Montanari. L'attore sarà accompagnato dai quaranta elementi dell'Orchestra Sinfonica dei Quartieri Spagnoli di Napoli, tutti bambini coinvolti tramite un progetto per la cultura della legalità, approccia alle parole di Calvino per raccontare quanto i Classici siano attuali e fondamentali per la cultura e la crescita dell'individuo, con il suo stile leggero e attraente, senza mai cadere nel didascalico. La serata è a cura di Davide Sacco, anche direttore artistico dell'intera manifestazione


Progetto Lunga Vita è un grande lavoro organizzato e promosso da giovani operatori del settore che da diversi anni, con progetti di rilevanza nazionale, stanno arricchendo il panorama culturale italiano. Il progetto punta a un pubblico eterogeneo, appassionato d'arte e curioso delle nuove forme di avanguardia che si stanno sviluppando nel nostro Paese. Lunga Vita al classico attraverso gli occhi della modernità, dunque, con un occhio aperto alla tradizione viva e vitale che offre spunti e possibilità di “tradimento”, per creare un'arte matura e solida. Fondamentali sono poi le tematiche sociali, legate soprattutto al femminile e all'integrazione razziale.




FRANCESCO MONTANARI recita ITALO CALVINO
accompagnato dall'Orchestra sinfonica dei Quartieri spagnoli di Napoli
a cura di Davide Sacco
PROGETTO LUNGA VITA
prodotto da Tradizione Teatro
Teatro Marconi
Viale Guglielmo Marconi 698 e
19 settembre ore 21
tel 06.5943554
Biglietti Intero 16€ - Ridotto 13€

sabato 16 settembre 2017

Al vla terza stagione del BarnumSeminTeatro

Ieri presso il Teatro le maschere a Trastevere è stata presentata la terza stagione dl BarnumSeminTeatro.
I due direttore artistici: Gabriele Mazzucco e Paolo Leone hanno presentato la ricca e variegata terza stagione  di questo piccolo, in senso di dimensioni 8(32 posti, ma stanno lavorando per averne 40) ma grande teatro dal punto di vista dell'impegno, sia dei due direttori artistici, che del numeroso stuolo dei loro collaboratori, nonchè degli artisti che hanno risposto alla chiamata e si esibiranno quest'anno sul palco del Barnum, solo per citarne alcuni: Ariele Vincenti, Melania Fiore, Marco Cavallaro, Claudia Campagnola. 
Ma il Barnum ha un segreto? Ebbene....si! Questo segreto, che poi dovrebbe essere tutt'altro che un segreto ma patrimonio del vivere comune è. la condivisione, lo scambio di sentimenti, il sostegno, l'errore, il sentirsi parte di una comunità, il crescere insieme. Quindi il Barnum come modo di essere e di creare risonanze armoniche.
La stagione  è pregna, qui  primo assaggio da oggi fino ala fine di ottobre

16/17 settembre  IL DIAVOLO VS EVA di Pamela Marsili
23 settembre LA STORIA DI MEZZO di Gabriele Mazzucco
24 settembre SAGGI DI SCRITTURA
30 settembre/1ottobre IL FANTASMA DELLA GARBATELLA di Gabriele Mazzucco
7/8 ottobre  IL CATAMARANO di Gabriele Mazzucco
8ottopre pomeriggio Mozart            Picchiotti
14/15 ottobre RIVERISCO MADRE di Carlo Picchiotti
21 ottobre  IO SE FOSSI GABER
22 ottobre DA ROMA  A ROMA
28 ottobre  HEYSEL- Tutti sapevano tranne loro
29 ottobre ROMA NUDA.

Il Barnum si occupa anche di formazione sia per adulti con l'accademia diretta da Giancarlo Fares, che per ragazzi dai 9 ai 16 anni, con Gabriele Mazzucco e Melania Fiore.


Via Adelaide Bono Cairoli 3 Roma
info: degliarti@tiscali.it www.degliarti.it



venerdì 15 settembre 2017

Francesco Montanari e Alfio Antico tra i primi ospiti di Progetto Lunga Vita - Teatro Marconi

TRADIZIONE TEATRO
con il contributo di Roma Capitale
in collaborazione con SIAE

presenta

PROGETTO LUNGA VITA
I PRIMI DUE APPUNTAMENTI CON ALFIO ANTICO E FRANCESCO MONTANARI

direzione artistica DAVIDE SACCO
direzione organizzativa ILARIA CECI


18-19 SETTEMBRE 2017

presso il
TEATRO MARCONI



Parte il 18 settembre il Progetto Lunga Vita, la manifestazione organizzata da Tradizione Teatro che fino al 24 settembre vedrà susseguirsi ogni giorno per oltre quattordici ore consecutive spettacoli teatrali, proiezioni, retrospettive, balletti, esposizioni artistiche, performance, meeting, residenze e workshop. Tanti gli artisti coinvolti in questo progetto voluto dal direttore artistico Davide Sacco e dalla direttrice organizzativa Ilaria Ceci, rientrante nel programma dell'Estate Romana 2017 con il contributo di Roma Capitale e in collaborazione con SIAE. Ad ospitare la manifestazione sarà il Teatro Marconi di Roma, su due palcoscenici (uno interno e uno esterno).

Francesco Montanari, Massimo Venturiello, Ruggero Cappuccio, Giovanni Esposito, Stefano Benni, Gianmarco Saurino, Alfio Antico, Antonio Pascale, Eva Grieco, Michele Monetta, Tiziana Sensi, Stefano Sabelli, Gian Maria Cervo, Francesco Sala, Giuseppe Rocca sono solo alcuni tra i protagonisti di questo grande progetto organizzato e promosso da giovani operatori del settore che da diversi anni, con progetti di rilevanza nazionale, stanno lavorando sul panorama culturale italiano.Il progetto punta a un pubblico eterogeneo, appassionato d'arte e curioso delle nuove forme di avanguardia che si stanno sviluppando nel nostro Paese. Lunga Vita al classico attraverso gli occhi della modernità, dunque, con un occhio aperto alla tradizione viva e vitale che offre spunti e possibilità di “tradimento”, per creare un'arte matura e solida. Fondamentali sono poi le tematiche sociali, legate soprattutto al femminile e all'integrazione razziale.

Progetto Lunga Vita

Le mattine di Progetto Lunga Vita sono dedicate ai workshop: si parte con Michele Monetta e Lina Salvatore, fondatori dell'ICRA Project, che condurranno gli allievi nel mondo di Mimo, maschera e movimento, dal lunedì al giovedì con esibizione finale e presentazione del libro Mimo e Maschera di Michele Monetta eGiuseppe Rocca.
Lunedì 18, alle 19.30, il cartellone degli spettacoli viene inaugurato da Daniele Mutino con la sua conferenza/concerto “La figura del cantastorie nella storia dell'Occidente”. Seguono alle ore 21.00 sul palco interno “Versus Dante”, un viaggio a ritroso nella Divina Commedia diretto da Paolo Pasquini e Agnese Ciaffei con attori premiati nel Festival Dantesco, mentre sul palco esterno un vero mito della musica popolare, Alfio Antico, catturerà gli spettatori con la sua voce e i tamburi, accompagnato dal contrabbasso di Amedeo Ronga e dagli effetti di Mattia Antico.
Martedì 19, alle 19.00, “Shakespeare. La lingua dei sogni”, incontro gratuito con Nadia Baldi e Claudio Di Palma introduce il capolavoro di Ruggero Cappuccio“Shakespea Re di Napoli” (rappresentato in Italia da oltre vent'anni), in scena in Arena quella stessa sera e il giorno successivo alle 21.00, prodotto da Teatro Segreto.
Il palco interno, sempre alle 21.00, ospita invece i quaranta elementi dell'Orchestra sinfonica dei Quartieri Spagnoli di Napoli, che accompagneranno Francesco Montanari nella lettura scenica dell'”Importanza di leggere i classici” di Italo Calvino.
Martedì alle ore 20.00 parte “Donne no”, di Sara Valerio e Anna Maria Talone, in cui l'attrice Sara Valerio attraverso il teatro di narrazione racconta le donne dimenticate dalla storia, con il patrocinio del MagFest. Lo spettacolo sarà in scena tutti i giorni fino a sabato 23.








Teatro Marconi:
Viale Guglielmo Marconi 698E
06.5943554 / info@teatromarconi.it

Biglietti:
16,00 intero
13,00 ridotto (under 35 e over 65)
gratis under 18

giovedì 14 settembre 2017

RIFLETTORI ACCESI DAL 15 SETTEMBRE 2017 SULLA TERZA EDIZIONE DEL FESTIVAL DELL’ARENA

RIFLETTORI ACCESI DAL 15 SETTEMBRE 2017 SULLA TERZA EDIZIONE DEL FESTIVAL DELL’ARENA, LA RASSEGNA DI TEATRO INDIPENDENTE ALL’APERTO ORGANIZZATA DA IMPRENDITORI DI SOGNI
NELL’ARENA DEL GRUPPO STORICO ROMANO, VIA APPIA ANTICA 18

AD APRIRE IL FESTIVAL IL 15 SETTEMBRE L’ANTEPRIMA DEL TESTO VINCITORE DEL PREMIO CENDIC SEGESTA 2016 “FIGLIE D’EGITTO OVVERO LE SUPPLICI” DI SOFIA BOLOGNINI, COMPAGNIA CENTRO TEATRALE MERIDIONALE


Parte il 15 settembre il  Festival dell'Arena 2017, giunto ormai alla sua terza edizione, la rassegna di teatro indipendente all'aperto che ogni estate Imprenditori di Sogni organizza a Roma presso la sede del Gruppo Storico Romano di Via Appia Antica 18, nei pressi di Porta San Sebastiano.
Cinque serate all’insegna del teatro, le prime tre nel week end dal 15 al 17 e poi il 23 e 24 settembre, cinque spettacoli diversi provenienti da tutta Italia e selezionati da bando pubblico, messi in scena nel cuore verde dell’ anfiteatro in legno e sabbia che ricorda nella struttura un piccolo Globe Theatre. Gli spettacoli avranno inizio alle 21, l’ingresso è di 10 euro.
A inaugurare il Festival venerdì 15 settembre sarà l’anteprima dello spettacolo "FIGLIE D'EGITTO ovvero LE SUPPLICI”, presentato dalla Compagnia Centro Teatrale Meridionale, testo vincitore del Premio Cendic Segesta 2016. Con Cristina Acquaro, Luisa Borini, Cesare D’Arco, Giacomo De Rose, Aurora Di Gioia, Marcello Gravina, Alice Giorgi e Serena Sansoni. Regia di Sofia Bolognini, musiche originali di Dario Costa. Lo spettacolo nasce in collaborazione con il Cendic di Roma, Teatro di Roma, Biblioteche di Roma e il Festival di Segesta Dionisiache a seguito della vittoria del testo di Sofia Bolognini al Premio Cendic-Segesta 2016. Il testo premiato di ogni edizione viene infatti messo in scena dal Centro Teatrale Meridionale  nell'anno successivo con prima nazionale in Sicilia, al Calatafimi Segesta Festival Dionisiache e  in  Calabria, nella Stagione Teatrale della Locride. Il progetto ha avuto una prima apertura pubblica sotto forma di lettura nel mese di febbraio scorso alla Sala Squarzina (Teatro Argentina di Roma) e ha debuttato al Teatro Antico di Calatafimi Segesta nel Festival Dionisiache 2017 lo scorso 3 Agosto, mentre nell'ambito della Stagione Teatrale della Locride 2017 l'opera è stata rappresentata al Teatro al Castello di Roccella Ionica il 5 agosto 2017.
Figlie d'Egitto ovvero Le Supplici è uno studio sull'antica trilogia di Eschilo. Strutturato in quattro capitoli, vuole esserne una sintesi, un rimescolamento, una ricostruzione per frammenti, una reinterpretazione poetica. Rispetto alla tragedia classica, l'ordine degli eventi è stato invertito: le supplici sbarcano sulla spiaggia di Argo dopo aver ucciso i propri mariti, non prima. Esse dunque scappano dalla pena di morte, non dalle nozze. Il linguaggio è un tessuto di sperimentazioni e innesti. L'impianto generale procede per scansioni ritmiche solenni rispettando la sonorità classica. Alcune citazioni particolarmente efficaci dell'opera antica sono state inserite organicamente nel testo, opportunamente segnalate da asterisco. Non mancano innesti moderni, volutamente isolati e stridenti, pensati per disarcionare di colpo l'orecchio dello spettatore.
Sabato 16 settembre poi sarà di scena Jacopo Costantini con il soprano Jihee Kim (vincitrice del concorso Spiro Argiris 2017 a Sarzana, con presidente di giuria Katia Ricciarelli) in LE ORAZIONI da Marco Tullio Cicerone. Jacopo Costantini presenta per la prima volta a Roma un monologo tratto da quattro celebri Orazioni di Cicerone intervallato da alcune arie cantate e recitate da Jihee Kim, Soprano del Metropolitan Opera House di New York, che interpreta Terenzia, la moglie di Cicerone 
Domenica 17 settembre sarà la volta di Giulia Merelli in ANIMA - ricerca nel cuore dell'uomo, progetto artistico laboratoriale. Il progetto "Anima" di Giulia Merelli proviene dalle Marche e trae spunto dal testo “Anima” di Amelia Pincherle Rosselli, drammaturga dell’800, scrittrice ebrea, madre dei fratelli Rosselli, noti fondatori del movimento “Giustizia e Libertà”, assassinati durante il fascismo in Francia, zia di Alberto Moravia e nonna della famosa poetessa Amelia Rosselli. Lo spettacolo è il frutto di un percorso laboratoriale a tappe condotto da Giulia Merelli in giro per l'Italia alla ricerca di Anime.
Il Festival dell’Arena prosegue poi sabato 23 settembre con  la Compagnia Livingston Teatro, che presenta lo  spettacolo WAITING FOR MERICA, memorie migranti, di Nathalie Bernardi, Davide Capostagno e Claudio Sportelli.
La Compagnia Livingstone Teatro proviene da Torino ed è alla sua seconda presenza al Festival dell'Arena, dopo avere aperto la prima edizione nel giugno 2015. Lo spettacolo Waiting for America ha debuttato con successo nel giugno 2017 all'interno della rassegna Earthink Festival, e successivamente è stato replicato nel cartellone estivo del Garage Vian. Di atmosfere beckettiane, tenta di rispondere al perché ancora oggi si affronta il mare in condizioni disumane rischiando una morte atroce. Cosa si lascia alle spalle chi spende quel poco che ha per rifarsi una vita altrove? Il testo attinge alla viva esperienza di chi sceglie il mare come ultima speranza.
A chiudere la terza edizione del Festival dell’Arena sarà domenica 24 settembre la nuova produzione firmata daImprenditori di Sogni con la regia di Sergio Basile "Il sogno di Lucrezia" con gli allievi del seminario TramaeDrama. Lo spettacolo è il frutto del percorso laboratoriale del seminario TramaeDrama, patrocinato dalla Regione Lazio e tenutosi nella stessa Arena durante il mese di agosto. Si è analizzato il mito romano di Lucrezia, analizzando la vicenda dello stupro dai testi classici di Ovidio, Livio, Alfieri, Shakespeare, passando per Franca Rame per poi produrre nuova drammaturgia sull'attuale tema della violenza sulle donne. 



Festival dell’Arena
Arena del Gruppo Storico Romano
Via Appia Antica 18
ingresso 10 euro, spettacoli ore 21

CNT - CAMPAGNA MATCH IT NOW per il trapianto e FIERA DI LEVANTE


MATCH IT NOW: SECONDO APPUNTAMENTO CON LA DONAZIONE DEL MIDOLLO OSSEO E DELLE CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE
Dal 16 al 23 settembre tante le iniziative di informazione per reclutare nuovi donatori in 180 piazze italiane
Si rinnova il tradizionale appuntamento di settembre a favore della donazione delle cellule staminali emopoietiche. Dal 16 al 23, in oltre 180 piazze italiane, volontari, medici e personale sanitario saranno a disposizione dei cittadini per fornire tutte le informazioni e gli approfondimenti sulla donazione, con tanti eventi su tutto il territorio nazionale. Anche quest’anno sarà possibile accedere in piazza al primo screening necessario per iscriversi al Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR): è sufficiente sottoporsi al prelievo di un campione salivare o venoso e ad un questionario anamnestico. Si possono iscrivere al Registro IBMDR i giovani con un’età compresa tra i 18 e i 35 anni.
Tra le principali novità dell’edizione 2017, si segnala il sostegno della Lega Serie A che consentirà la promozione di “Match it now” sui campi di calcio in occasione della V Giornata del Campionato (19 e 20 settembre): lo spot ufficiale della Settimana sarà proiettato sui maxi-schermi degli stadi ed esposto uno striscione prima del fischio di inizio delle partite.
La Settimana “Match it now” è stata presentata al Palazzo delle Federazioni Sportive Italiane: il mondo dello sport è da sempre al fianco della promozione della donazione, come testimoniano le parole di Giuseppe Abbagnale, presidente della Federazione Italiana Canottaggio: «Un impegno che la Federazione ha voluto sostenere affiancando i diversi Enti e Strutture che, giornalmente, si dedicano alla ricerca e al reclutamento di nuovi donatori». E ricorda che «dal canottaggio arriva anche la testimonial Alessandra Patelli che, oltre ad essere stata olimpionica ai Giochi di Rio 2016, è anche una straordinaria studentessa di medicina entrata a far parte del mondo delle donazioni».
Il Presidente dell’Istituto Superiore di SanitàWalter Ricciardi, sottolinea come queste tipologie di manifestazioni «rivestano un ruolo fondamentale per far sentire i cittadini pienamente coinvolti nella difesa del diritto alla salute, poiché compiendo un semplice gesto, potrebbero diventare una speranza in più per quei pazienti che attendono con ansia una risposta alla richiesta di salute». 
Al messaggio del Presidente si associano le parole del Direttore Generale dell’Istituto Superiore di Sanità, Angelo Del Favero che ricorda l’importanza dell’impegno istituzionale nel favorire la corretta informazione e la sensibilizzazione dei cittadini sui temi della salute. «Donazione vuol dire anche salute, tutela della stessa e costruzione di un senso di comunità». E rinnova l’invito «ai giovani ad informarsi e ad andare nelle piazze coinvolte per dare la proprio adesione». 
Il Direttore Generale del Centro Nazionale TrapiantiAlessandro Nanni Costa, ricorda che «l’Italia è uno dei pochi paesi al mondo dove la ricerca di un donatore volontario adulto, nonché il trapianto di cellule staminali emopoietiche, sono a carico del Servizio Sanitario Nazionale e totalmente gratuiti per i pazienti». Tuttavia, afferma che «dobbiamo ancora lavorare molto, sul fronte dell’organizzazione e della promozione, per incrementare il numero dei donatori iscritti al Registro IBMDR, circa 380.000, e per dare un maggiore apporto dell’Italia al Registro mondiale».
Il Direttore Generale del Centro Nazionale SangueGiancarlo Maria Liumbruno, dichiara che «il Sistema Trasfusionale nazionale, attraverso l’alleanza e il lavoro programmato delle Istituzioni, della rete delle strutture trasfusionali e del volontariato del sangue (AVIS, CROCE ROSSA, FIDAS, FRARES) sostiene, con impegno quotidiano, la donazione volontaria, periodica, responsabile, anonima e gratuita. I donatori di sangue, nel nostro Paese, sono più di 1.700.000 e molti di loro sono anche donatori di midollo osseo. Il loro contributo al nostro Sistema sanitario è prezioso. Senza di loro non sarebbe possibile curare tutti i pazienti che necessitano di terapie trasfusionali o di trapianti di cellule staminali emopoietiche».
Il Direttore del Registro IBMDRNicoletta Sacchi, ricordando che “Match it now” partecipa anche al World Marrow Donor Day, in programma il 16 settembre in oltre 50 Paesi, rileva che «in Italia oltre il 40% dei trapianti di midollo osseo viene eseguito grazie al dono di un perfetto sconosciuto e che nel mondo ci sono oltre 30 milioni di donatori. Questa cifra, però, non basta perché è solo attraverso l’inserimento di tanti nuovi donatori giovani che si può garantire a tutti i pazienti di trovare il “match” giusto». La Presidente del GITMO (Gruppo Italiano per il Trapianto di Midollo Osseo), Francesca Bonifazi, richiama l’attenzione sull’efficacia del trapianto da donatore non familiare che «rimane ancora oggi, spesso, l’unica terapia in grado di guarire molte malattie neoplastiche e non del midollo osseo». E conferma che «i risultati clinici, seppur non scevri da rischi di morbilità e mortalità, sono in continuo miglioramento; la comunità scientifica trapiantologica italiana ha dato e dà importanti contributi, riconosciuti a livello internazionale, a questo avanzamento».
«Con “Match it now”- spiega la Presidente di ADMORita Malavolta- ci siamo dati come obiettivo quello di lavorare sulla divulgazione trasversale del messaggio relativo all’importanza della donazione del midollo osseo». E continua: «La partita più importante, però, si gioca ogni giorno nelle scuole, nelle università, e in tutti i luoghi dove possiamo incontrare i giovani grazie all'impegno dei tanti volontari e sanitari che prestano il loro tempo al fine di portare il numero maggiore di persone verso una scelta consapevole quale l’iscrizione al Registro IBMDR». Alle parole della Presidente Malavolta fanno eco quelle di Alice Vendramin BandieraVicepresidente ADOCES: «La vera sfida oggi, in un momento di profonda trasformazione sociale sta nell’individuare canali di comunicazione efficaci per raggiungere i giovani e avvicinarli alla cultura del dono. La Federazione svolge un lavoro di sensibilizzazione capillare e costante, a cominciare dalle scuole». E conclude con l’auspicio che «l’invito alla donazione entri a far parte della nostra quotidianità e non si esaurisca con questa Settimana».
Sul sito www.matchitnow.it è presente l’elenco completo degli eventi in programma e delle piazze italiane coinvolte. Inoltre saranno disponibili sul sito anche i dati aggiornati in tempo reale dei donatori che si iscriveranno al Registro nell’arco della settimana.
Lo spot di “Match it now” è in onda su Radio 101 e Virgin Radio dal 18 al 22 settembre. Si ringrazia Mediamond per aver messo a disposizione gratuitamente questi spazi promozionali.
Per informazioni:
Ufficio Comunicazione-  Centro Nazionale Trapianti  comunicazione.cnt@iss.it
Tel: 06 49904040-4041

Ufficio Comunicazione- Centro Nazionale Sangue luciana.riva@iss.it
Tel: 06 49904953 


L’81a Fiera del Levante aderisce a Diamo il meglio di noi.

L’Ente Fiera del Levante ha aderito a Diamo il meglio di noi, la Campagna Nazionale su Donazione e Trapianto di Organi Tessuti e cellule promossa dalMinistero della Salute e dal Centro Nazionale Trapianti.
“La presenza di Diamo il Meglio di Noi alla 81a Fiera del Levante rappresenta l’evento più importante della Campagna Nazionale nel Sud Italia, nonché il secondo più importante realizzato, ad oggi, nel corso dell’anno dopo la Giornata Nazionale della Donazione e Trapianto del 29 Maggio” ha dichiarato il direttore del Centro Nazionale Trapianti, dott. Alessandro Nanni Costa.
Grazie a Regione Puglia AReSS - Agenzia Strategica Regionale per la Salute e il Sociale, partner della Campagna Diamo il Meglio di Noi, il tema della donazione e del trapianto sarà promosso in occasione della Fiera del Levante attraverso numerose iniziative di informazione e sensibilizzazione al pubblico. Questo risultato è stato possibile anche grazie alla collaborazione con il Centro Regionale per i Trapianti della Puglia, tutte le Associazioni nazionali del settore organi, tessuti e cellule e le Associazioni locali del settore sangue: AVIS, FIDAS, FRATRES e ADISCO.
“Le realtà sul territorio sono molto coese, già in passato sono stati promossi eventi di sensibilizzazione alla donazione che hanno avuto molto successo tra i cittadini. Questo anno, grazie all’adesione della Regione Puglia a Diamo il Meglio di Noi si è messa in moto una macchina virtuosa che ha coinvolto Enti, Istituzioni e tutte le Associazioni e che ci vedrà uniti sotto il segno di Diamo il meglio di Noi con tantissime iniziative e in occasione di una manifestazione di importanza storica, quale la Fiera del Levante” ha dichiarato il Coordinatore Regionale per i Trapianti della Puglia, Prof. Loreto Gesualdo.
Nell’agenda eventi sul sito web della Fiera del Levante (fdl2017.fieradellevante.it/agenda/) sono disponibili gli appuntamenti dedicati alla promozione della cultura della donazione:
Dal 9 al 17 settembre, presso lo spazio della Regione Puglia, partirà la CACCIA AL CUORE che si snoderà per diverse tappe all’interno della Fiera e si concluderà al punto informativo Diamo il Meglio di Noi all’interno dello stand dell’AReSS Puglia.



A tal proposito il Commissario straordinario, dott. Giovanni Gorgoni, ha dichiarato “L’Agenzia regionale per la Salute ed il Sociale è particolarmente orgogliosa di aver stretto una intensa sinergia istituzionale con il Centro Nazionale Trapianti”.
Presso il Cineporto di Bari ci saranno proiezioni dedicate sia ai bambini che agli adulti. Il 10, 12 e 14 settembre sarà proiettato “Salvo e Gaia. Un regalo che vale una vita” un cartone animato strutturato in sei episodi. L’11, il 13 e il 15 settembre il Cineporto dedicherà al pubblico adulto (over 14 anni) la proiezione del film Riparare i Viventi, di Katell Quillevere. Presentato alla 73esima edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia 2016 e al Toronto International film fest 2016.
Il 16 settembre dalle ore 19 alle ore 20, all’interno della manifestazione Danze senza confini, promossa e ospitata dalla Fiera del Levante, si terrà uno spettacolo di musica e intrattenimento dal titolo Diamo il Meglio di Noi-LIVE.
“Siamo certi riusciremo a raggiungere un ampio numero di cittadini con l’intento di rispondere a quella che è la nostra vocazione istituzionale e il nostro obbligo di legge: promuovere, nel rispetto di una libera e consapevole scelta, iniziative di informazione dirette ai cittadini circa le modalità con cui si possa esprimere la propria volontà di diventare donatore” ha scritto il direttore del Centro Nazionale Trapianti alla dott.ssa Antonella Bisceglia, commissario della Fiera, per ringraziarla della adesione alla Campagna Diamo il Meglio di noi.


Info:
Centro Nazionale Trapianti
06 4990 4040


 FIERA DEL LEVANTE
Programma iniziative

Dal 9 al 17 settembre – Padiglione Regione Puglia @punto informativo Diamo il meglio di noi
CACCIA AL CUORE #diamoilmegliodinoi all’interno della Fiera

Dal 10 al 15 settembre dalle ore 16 alle ore 18 – Cineporto Bari
PROIEZIONI per Diamo il meglio di noi
Il Cineporto di Bari, in occasione della programmazione per la Fiera del Levante, ha dedicato uno spazio al tema della donazione pensato sia per gli adulti che per i bambini.
BAMBINI:
Il 10, 12 e 14 settembre sarà proiettato “Salvo e Gaia. Un regalo che vale una vita” un cartone animato strutturato in sei episodi in cui i protagonisti partono alla scoperta del “fantasticoso” corpo umano a bordo della loro “medicicletta”, interrogandosi sul suo funzionamento e in alcuni casi sulle sue possibilità di “riparazione”. Il delicato argomento della donazione di organi, tessuti e cellule è stato inserito nel più ampio discorso dell’educazione alla salute, fondamentale per indirizzare gli “adulti di domani” verso dei comportamenti salubri, proponendo un momento di riflessione su come è strutturato il nostro corpo, sui giusti stili di vita per preservarlo al meglio e sulla gratuità del dono. In sala saranno presenti esperti e volontari delle associazioni per rispondere alle domande e alle curiosità dei piccoli spettatori.
ADULTI:
L’11 il 13 e il 15 settembre il Cineporto dedicherà al pubblico adulto (over 14 anni) la proiezione del film Riparare i Viventi, di Katell Quillevere. Presentato alla 73esima edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia 2016 e al Toronto International film fest 2016, il film Riparare i viventi è tratto dall’omonimo libro di Maylis de Kerangal, e racconta una storia veramente accaduta. Questo caso in Francia ha calamitato l’attenzione su un tema delicato e complesso come quello della donazione degli organi. La trasposizione cinematografica è intensa e precisa, con interpretazioni toccanti e una sceneggiatura che ha meritato la nomination al Premio Cesàr 2016.


Il 16 settembre – Presso Fiera del Levante spazio Danze senza confini
All’interno della manifestazione Danze senza confini, promossa e ospitata dalla Fiera del Levante, si terrà uno spettacolo di musica e intrattenimento per Diamo il Meglio di Noi. Dalle ore 19 alle ore 20 si “canterà” di donazione: il pubblico e gli ospiti sul palco saranno i protagonisti di un quiz musicale. Tante le canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana da indovinare e cantare, un corpo di ballo accompagnerà le musiche e animerà la serata con un musical originale dal titolo “Diamo il meglio di noi”. Come in ogni quiz musicale che si rispetti, non mancheranno premi e divertimento per tutti!

Il 12 o 13 settembre -  Forum Mediterraneo Sanità presso la Fiera del Levante
In occasione del Forum Mediterraneo in sanità che si terrà a Bari il prossimo 12 e 13 settembre si parlerà di sicurezza, responsabilità, innovazione delle cure e saranno presentate le “proposte da sud”. La Fiera del Levante offre la possibilità di approfondire il tema della donazione e del trapianto in un momento scientifico di 3 ore. Esperti del Coordinamento trapianti Puglia presenteranno l’attività di coordinamento, i risultati e i dati e i programmi di sviluppo dell’attività di trapianto di rene da donatore vivente. Un esempio positivo dell’organizzazione del sistema trapianti al Sud e in particolare nella Regione Puglia e delle attività promosse dall’Agenzia Regionale Sanitaria AReS in tema di donazione e trapianto.

mercoledì 13 settembre 2017

ALLA MODA DEL VARIETA' Recensione

IL VARIETA’ “DI UNA VOLTA” IN SCENA NELLA CAPITALE 
PER IL ROMA COMIC OFF


Siete in tempo ancora stasera per andare  a vedere ALLA MODA DEL VARIETA' al Teatro dei Conciatori, è votarlo, lo spettacolo, infatti, partecipa alla terza edizione  del Festival Roma Comic Off.
La Compagnia del sole vi porterà in viaggio con loro, all'interno del mondo del varietà. genere, molto in voga per tutto il secolo scorso.Lo spettacolo è "variegato" come d'obbligo sia, e divertente, una rassegna delle tipologie più famose dei varie personaggi e macchiette che hanno fatto la storia del varietà. Il trio composto da Antonella Carone, Tony Marzolla e Loris Leoci si produce sia in esilaranti gag che in più drammatiche performance. Lo spettacolo non è fine a se stesso, ma fa parte di un più grande progetto di studio, intrapreso dalla compagnia sulla Commedia Italiana dalla nascita fino al secolo scorso.
Miriam Comito



Debutta a Roma martedì 12 e mercoledì 13 settembre alle 21.00 sul palco del Teatro dei Conciatori, “Alla moda del Varietà”, spettacolo con musica dal vivo prodotto dalla Compagnia del Sole di e con Antonella Carone, Tony Marzolla e Loris Leoci e la supervisione artistica di Marinella Anaclerio. La prima capitolina avverrà nell’ambito del Festival Roma Comic Off, giunto alla sua terza edizione.
Lo spettacolo è un omaggio alla stagione d’oro del Varietà e dell’Avanspettacolo italiani, dagli esordi che strizzavano l’occhio alla moda dei Cafè Chantant francesi alle popolari trasmissioni televisive in bianco e nera del sabato sera. Così da Petrolini e Gaber, i tre attori conducono un viaggio nel secolo scorso, in quell’universo luccicante e spensierato segnato da lustrini, pailettes e luci alla ribalta. Come dimenticare infatti le macchiette di Nino Taranto, i tic di Walter Chiari o i calembour irriverenti di Petrolini? Tra una mossa della sciantosa e una rima del Gagà questo Carosello del Varietà è anche un tributo all’amore lungo una gamma che va dalla delicatezza di canzoni suonate e cantate dal vivo in all’irriverenza di sketch esilaranti, frutto di un lungo lavoro di ricerca e riscrittura. Carone, Marzolla e Leoci diventano di volta in volta musicisti, ballerini, cantanti, trasformisti, finedicitori, in questo amarcord eccentrico fatto di poesia e risate d’altri tempi.
Con “Alla moda del Varietà” la Compagnia del Sole completa un trittico che, iniziato con L’Ora della Commedia di e con Flavio Albanese e proseguito conOrlando Pazzo per Amore (Tragicommedia Pop), regia dello stesso Albanese e di Marinella Anaclerio, vuole esplorare e restituire alle scene la storia della Commedia Italiana in un ideale arco cronologico che parte dalla Commedia dell’Arte e arriva al grande Varietà del secolo scorso.
Biglietto 10 euro + 2 tessera

Info e prenotazioni: 06 4544 8982 – 328 3998522 info@romacomicoff.it / organizzazione@compagniadelsole.com
Credits Alla Moda del Varietà
di e con Antonella Carone, Tony Marzolla, Loris Leoci

Supervisione artistica Marinella Anaclerio
Costumi Rosa Lorusso
Vocal coach Isabella Minafra
Arrangiamenti originali Isabella Minafra e Loris Leoci
Organizzazione Tiziana Laurenza


“LO SPAZIO” DELLA CAPITALE ANNUNCIA LA SUA NUOVA STAGIONE. SI INAUGURA IL 14 SETTEMBRE IL CARTELLONE 2017/18 DEL TEATRO LO SPAZIO CON LA DIREZIONE ARTISTICA DI FRANCESCO VERDINELLI

“LO SPAZIO” DELLA CAPITALE ANNUNCIA LA SUA NUOVA STAGIONE.
SI INAUGURA IL 14 SETTEMBRE IL CARTELLONE 2017/18 DEL TEATRO LO SPAZIO CON LA DIREZIONE ARTISTICA DI FRANCESCO VERDINELLI

IN SCENA OLTRE 30 SPETTACOLI CON ARTISTI COME MICHA VAN HOECKE, GIANNI DE FEO, PIERFRANCESCO POGGI, DANIELA GIOVANETTI,  FABIO MASCAGNI, E REGISTI COME GIUSEPPE ARGIRO’, ENRICO LAMANNA,  LAURA CURINO, CATERINA VENTURINI E ALESSANDRA FALLUCCHI

“Le storie  scritte oggi – afferma Francesco Verdinelli - sono fra le proposte  che ci interessano di più. Riconoscere i nostri tempi, nella quotidianità o nella fantasia, così come nelle proposte di teatro civile o nel teatro musicale, questi gli obiettivi della stagione teatrale 2017/2018”

Uno spazio per la drammaturgia, il teatro civile, la danza, la letteratura, la musica. Il Teatro Lo Spazio diretto da Francesco Verdinelli (compositore, musicista, regista) si conferma un palcoscenico aperto alle nuove drammaturgie, alla sperimentazione, un luogo di incontro e confronto. “Lo Spazio”, al suo decimo anno di attività, presenta la sua nuova stagione, con oltre trenta spettacoli, i Concorsi di Corti teatrali a cura del Teatro Lo Spazio e di Corti di TeatroDanza a cura di Antonella Granata e Manuel Paruccini, e poi i 6 Incontri  ‘Spiritualmente laici’ e i 5 appuntamenti con lo ‘Spazio letterario’ curati da Duska Bisconti e la Maratona di Corti cinematografici a cura di Pietro De Silva. Una stagione ricchissima la decima del Teatro Lo Spazio, con grandi nomi e giovani emergenti.
"Le proposte teatrali stanno velocemente cambiando. Le arti – afferma Francesco Verdinelli - vanno mescolandosi;  il teatro, la musica, la danza così come l'uso della tecnologia sono sempre più spesso insieme sulla scena. Le storie  scritte oggi, sono fra le proposte  che ci interessano di più. Riconoscere i nostri tempi, nella quotidianità o nella fantasia, così come nelle proposte di teatro civile o nel teatro musicale. E sono proprio questi gli obiettivi della stagione teatrale 2017/2018.
Storie ed  interpretazioni che diano emozioni,  che siano risate o riflessioni, ma è fondamentale che possano far sì che rimanga qualcosa. I talenti consolidati così come le proposte delle nuove generazioni permettono allo spettatore, nel corso della stagione, di avere il polso di ciò che oggi, attraverso la drammaturgia, si vuole comunicare.
Poter scegliere di andare in un teatro che ha una forte identità, riconoscere e riconoscersi nella tipologia delle rappresentazioni  in scena è uno degli obiettivi che ci siamo posti. Un filo invisibile che lega le infinite identità di chi vive l'oggi, attento alle 'sfumature'  della vita”.
Si comincia dal 14 al 24 settembre con PER COLPA DI UN CONIGLIOdi Paolo Camilli e Simone Zafferani, Regia: Moira Angelastri e Paolo Camilli, aiuto regia: Paolo Macedonio, con: Moira Angelastri e Paolo Camilli. Vanda vuole fortemente che qualcosa di bellissimo accada. Tenace e inarrestabile non si arrende, cerca, chiede. E’ convinta che qualcuno la condurrà in un luogo meraviglioso.
Si prosegue dal 26 al 29 settembre con il teatro civile scritto diretto e interpretato da Germano Rubbi.  QUEL MATTINO D’APRILE, con Amedeo Carlo Capitanelli, Giovanni D’Artibale, Maria Cristina Cerri Ciummei, racconta episodi di  vera e propria guerra preventiva ai civili,  organizzata e voluta con particolare ferocia dal feldmaresciallo Kesserling, comandante in capo delle forze armate tedesche dislocate in Italia. Il 4 ottobre è di scena V.O.L.G.   Vietato oltrepassare la linea gialla, di e con Debora Mattiello, regia di Giuseppe Argirò.  I personaggi, come apparizioni, si presentano, arrivano per partire, eppure vogliono disegnare una loro biografia, lasciare un segno, dire di sé prima che sia troppo tardi, prima che la vita scoppi….. Dal 5 al 7 ottobre torna sul palcoscenico de Lo Spazio Pierfrancesco Poggi con DA COSI’ A COSI’, il racconto di quarant’anni di palcoscenico, accompagnato al pianoforte Stefano De Meo. Quindi dal 10 al 22 ottobre è la volta del grande classico di Anton Checov TRE SORELLE, con la regia di  Lorenzo De Liberato,  aiuto regia di Cristiano Demurtas e con in scena  Francesca Bellucci, Luisa Belviso, Irene Vannelli, Ludovica di Donato,  Alessio Esposito,  Lorenzo Garufo, Fabrizio Milano, Gioele Rotini, Alessandro De Feo,  Marco Usai. La storia delle tre sorelle Prozorov che, tra amori, frustrazioni e ambizioni, rimangono incastrate in un incantato immobilismo, all’interno del quale il tempo scorre con gelida e cinica ironia.
La drammatica storia di Rita Atria, una diciassettenne contro il sistema mafioso che alla morte di Paolo Borsellino  si uccide a soli 18 anni è in programma dal 24 al 29 ottobre. Scritto da Francesco Rallo RITA ATRIA – UN’ADOLESCENTE CONTRO LA MAFIA con la rielaborazione drammaturgica e la regia di Caterina Venturini presenta un cast ricco composto da Maurizio Palladino, Maurizia Grossi, Francesco Rallo, Giuseppe Russo e gli attori della Horti Lamiani Teatro: Paola Pirri, Valeria Trellini e Irene Petracci.
Il mese di novembre si apre, dall’1 al 5, con LA PERDITA, con Federica Carruba Toscano e Consuelo Giangregorio e la regia di Diana Ripani, che narra la storia di una donna, costretta dal figlio a vivere in uno spazio angusto e sempre più stretto, in seguito ad un’alluvione. Dal 7 al 12 novembre è di scena SE CI SEI BATTI UN COLPO, di Letizia Russo, con la regia di Laura Curino. Un solo attore in scena, Fabio Mascagni,  molti personaggi, una storia surreale e tragicomica per indagare la vita di un giovane uomo che ha tutto ciò che gli serve, tranne il cuore.
Il debutto nazionale del nuovo testo di Fiammetta Carena UNIVERSO 25 è in programma dal 16 al 26 novembre. Con Daniela Giovanetti, Maurizia Grossi,  Giuseppe Oppedisano e Maurizio Palladino, la regia di Giuseppe Oppedisano e le musiche di Francesco Verdinelli. Anime perse che si incontrano e si scontrano in un universo che si riduce progressivamente: le identità si dissolvono, i ruoli sociali scompaiono. Universo 25.
Dal 28 novembre al 3 dicembre. 77 FOOL IMMERSION, di Duska Bisconti, con Duska Bisconti, Romano Rocchi, Gabriella Tupone, musiche e arrangiamenti di  M. Antonio Pappadà eseguite dalla Cip Orkestra. Una serata di paesaggi, umori, suoni, radici, ragioni che scorrono sul palco della memoria attraverso la musica, i gesti, la danza, il teatro, la poesia.
Donne private dei compagni, dei figli; donne offese e abusate; donne irriducibili custodi di una dolorosa memoria, sono le donne raccontate in SREBRENICA, dal 5 al 10 dicembre, di e con   Caterina Venturini, alla fisarmonica Fabio Ceccarelli. Ideato e diretto da Alessandra Fallucchi dal 12 al 17 dicembre è di scena DECLINAZIONE D’AMORE, drammaturgia di Franca de Angelis, con Ludovica Di Donato, Stefano Guerrieri, Antonio Orlando, Sonia Merchiorri, Ilary Artemisia Rossi, Matteo Tanganelli. L'amore come forza motrice, come ponte fra la VITA e la MORTE, l'amore come energia, come slancio, come mezzo per crescere e per conoscere.
La suspense di OTTO DONNE…PER UN MISTERO è in scena dal 18 al 23 dicembre. Libero adattamento di Cristina Pernazza dall’opera di R. Thomas, lo spettacolo presenta un ricco cast composto da Lina Califano, Michela Franzese, Eleonora Greco, Stefania Ninetti, Tiziana Liberato, Sara Chirico, Sarah Mataloni, Lavinia Lalle e con la partecipazione di Giannunzio Affinita per la regia di Paolo Mellucci. Otto donne si ritrovano in una casa della campagna francese per trascorrere le festività natalizie ma, a turbare quella che sembra una felice riunione famigliare, arriva un efferato delitto.
Ariana Porcelli Safonov apre il 2018, dal 4 al 7 gennaio, con il suo PIAGHE, sette monologhi scritti insieme a Giorgio Comaschi sulle nuove piaghe che ci affliggono, non più bibliche ma sociali, mentre dal  9 al 14 gennaio è la volta di MORRISON HOTEL, scritto e diretto da Pierpaolo De Mejo, con Pierpaolo De Mejo, Olivia Cordsen e la band Valerio Cosmai, Simone Quarantini, Fabrizio Vestri. Cantante e leggenda del rock, cineasta, scrittore espatriato, poeta, Jim Morrison muore a 27 anni stampando la propria immagine indelebile nell'immaginario collettivo. Antonella Granata e Manuel Paruccini firmano la regia di PERSONALITA’ ALLO SPECCHIO, dal 17 al 21 gennaio, con attori e danzatori, e la collaborazione del Prof. Roberto Fornara (Neuropsichiatra). Il teatro come terapia, un’interessante viaggio attraverso i molteplici ruoli che si assumono nell’arco di un’intera esistenza.
Lo spettacolo secondo classificato al Concorso Corti Teatrali del Teatro lo Spazio 2017, LO STAGNO, sarà in scena dal 24 al 28 gennaio con la regia di  Armando Quaranta e la Compagnia Bluestocking composta da Federico Galante e Martina Montini. Lei e lui si parlano, si amano, si odiano, si sopportano,   ma non sanno “come si fa a fare le cose”. Sono belli, immobili, strani, come certe cose che, a guardarle bene, sembrano uno stagno.
Dal 31 gennaio al 4 febbraio è in programma GOGHGAUGUIN, con la regia di Biancanives Togliani e con Adelmo Togliani (nel ruolo di Paul Gauguin), Guido Targetti (nel ruolo di Vincent Van Gogh) e Adele Tirante (nel ruolo di Sien Hoornik). Un menage a trois tra Paul Gauguin, Vincent Van Gogh e Sien Hoornik, durante il periodo della Casa Gialla ad Arles.
Ispirato ad una storia vera, dal 6 all’11 febbraio L’UOMO DALLE SUOLE DI VENTO narra il rapporto passionale e tormentato che intercorse tra due grandi “poeti maledetti” di fine Ottocento: Paul Verlaine e Arthur Rimbaud. Scritto e diretto da Romano Talevi, con Pierfrancesco Ceccanei, Romano Talevi, Rita Pasqualoni, Serena Renzi e Ilaria Mariotti. Musiche dal vivo di: Giorgia Viglianti (arpa), Alessia Guaitoli (violoncello) e Giulio Viglianti (percussioni).
WAR – (We Are Refused)  scritto da Chiara Alivernini, con l’adattamento e la regia di Mary Ferrara è di scena dal 13 al 18 febbraio. Con Andrea Famà, Chiara Alivernini, Matteo Maria Dragoni, Silvia Magazzù, Virginia Menendez, Martina Milani, Stefano Di Giulio, Valerio Villa e con la partecipazione di Daniel De Rossi. Ulisse e Cassandra racconteranno le loro storie che si incroceranno con quelle degli altri personaggi in scena.
Gianni De Feo torna sul palco de Lo Spazio dal 20 al 25 febbraio con CHAPEAU, di Roberto Russo con musiche originali di Francesco Verdinelli.  Diretto e interpretato da Gianni De Feo, lo spettacolo racconta un’immaginifica società/alveare dove controllo e repressione sulle vite, sulle coscienze e sulle emozioni degli individui, vengono esercitati in maniera sempre più autoritaria.
BACIALA di Anna Piscopo e Matteo Ferri è in cartellone dal 6 al 18 marzo, con la regia di Marco Simeoli e le musiche di Francesco Verdinelli. Con Anna Piscopo, Emanuel Caserio, Francesco Bomenuto, Morris Sarra, Francesca Bellucci. Attori, staff e pubblico, incappando in divertenti disgrazie, sono chiamati a trovare un modo per spezzare l’incantesimo che li vorrebbe morti, prima che sia troppo tardi.
Dopo la piacevole esperienza come Presidente di Giuria della prima edizione del Concorso COREOGRAFICA…MENTE, il Maestro Micha Van Hoecke, colpito dall’atmosfera del Teatro, ha deciso di presentare dal 21 al 25 marzo un suo nuovo lavoro a Lo Spazio. Si tratta di PIERINO E IL LUPO, con un cast composto, tra gli altri,  dallo stesso Micha Van Hoecke, Luciana Savignano, Manuel Paruccini.
Aprile si apre con DISTURBO DELLA QUIETE PUBBLICA, dal 4 all’8, con la regia di Riccardo de Torrebruna, con   Alessia Germani, Alex Moses, Luca Sarcinelli, Jais Mohamed, Sergio Palma, Giammaria Cauteruccio, Laura Cirioni, James Thomas Farrell, Laura Giulia Cirino, Massimo Spagnuolo, Elisa Laibelt e Alessandro Marini. L’imprevedibilità degli snodi nelle situazioni che John Cassavetes mette in scena non sono mai il risultato di un artificio, ma il frutto di un’esplorazione profonda dell’umanità e dei suoi complici. Si prosegue poi, dal 10 al 15, con MARTIN EDEN BALLET, con le musiche di Sergio Colicchio e la produzione di Paolo de Pascale. La difficile vita di un ragazzo del popolo, che lotta disperatamente per diventare uno scrittore, ispirato e sostenuto in questo dal suo amore per la "Bellezza" e per Ruth.
Cinque corti, alla scoperta di incontri che non hanno nulla di casuale sono al centro di FIL ROUGE, lo spettacolo in scena dal 18 al 20 aprile scritto e diretto da Patrizia Pavesi.
Ideato e interpretato da  Anthony Barreri, Inès Josa e Lorenzo Vanini il 2 e 3 maggio sarà in scena UNE JOURNEE PARTICULIERE, (secondo classificato concorso Corti Coreografici del Teatro Lo Spazio 2017). Basta poco per incontrarsi, basta seguire un merlo indiano scappato dal balcone, basta osare più in alto sulla terrazza, tra le lenzuola che asciugano al sole, per illuminare un cielo sbiadito di nuovi colori. Scritto e diretto da Pierpaolo Saraceno, dal 4 al 6 maggio è in cartellone IO NON AVEVO MAI DECISO DI VOLARE con Pierpaolo Saraceno, Mariapaola Tedesco, Alessandro Lo Piccolo. Un luogo vuoto con una piccola prua di una nave, luminosa, al centro. Cosa sarà mai quella prua … una grande speranza? La pace con se stessi? Una fine?
Si prosegue poi dall’8 al 13 maggio con VOCI NEL CORTILE, di Edna Mazya, regia di Enrico Lamanna, con Matteo Bossoletti, Elisabetta Mirra, Michele Montesano, Brenno Placido, Edoardo Scarpetta e le musiche originali di Francesco Verdinelli. Estate 1986. Nord Israele, 7 ragazzi di 17 anni stuprarono una ragazza di 14 anni abusandone fisicamente e psicologicamente. Dal 18 al 20 maggio approda sul palcoscenico de Lo Spazio lo spettacolo primo classificato al Concorso Corti Teatrali del Teatro lo Spazio 2017  THE MOON IN DESERT, di Fabio Cicchiello, Daniele Dositeo, Luca Refrigeri, regia di Fabio Cicchiello, con Daniele Dositeo, Luca Refrigeri, Katiuscia Rossi, Corrado Zizzo. Essere licenziati. Rispondere ad un annuncio di lavoro della NASA e ritrovarsi intrepidi astronauti per una missione destinata a salvare il destino dell’umanità.
A chiudere la ricca stagione del Teatro Lo Spazio saranno, dal 24 al 27 maggio, SONO PARTITA DI SERA, di Betta Cianchini, con Valentina De Giovanni e la regia di Valentina De Giovanni e Camilla Piccioni. Una storia su una Roma che non c’è più. Non c’è più come la voce della più grande artista romana di tutti i tempi: Gabriella Ferri. E, dall’ 1 al 3 giugno, SMOKED BLUES, spettacolo primo classificato al Concorso Corti Coreografici del Teatro Lo Spazio 2017, coreografia  di Karen Fantasia, con Karen Fantasia,  Francesco Ciani, Daniel Bibriesca, Ilaria Galullo e Karla Batiz. Sulle note di un clarinetto si avvicenda una relazione d'amore. Guardarsi negli occhi può durare un attimo, ma può bastare per una vita intera.
Da segnalare poi per la stagione 2017/18 la possibilità di abbonarsi. Gli spettacoli serali avranno inizio alle 20.30 e la domenica alle 17.00.






















SPIRITUALMENTE LAICI
V EDIZIONE
SEI TAPPE SULLA VIA DELLA FELICITA’
2 dicembre, 13 gennaio, 10 febbraio, 10 marzo, 7 aprile, 5 maggio - ore 16,30
a cura di
DUSKA BISCONTI e STEFANIA PORRINO
con la collaborazione del
G.A.S. – Gruppo Attori Sostenitori
MASSIMO ROBERTO BEATO, CRISTINA BORGOGNI, CARLA KAAMINI CARRETTI,
MICHETTA FARINELLI,  GIULIO FARNESE, PAOLO LORIMER,
EVELINA NAZZARI, MAURIZIO PALLADINO, MARIA LIBERA RANAUDO
Testi di
 Duska Bisconti - Maricla Boggio – Roberta Calandra - Stefania Porrino – Chiara Rossi – Angela Villa
Spiritualmente laici è una rassegna di teatro su temi incentrati sulla natura dell’anima umana e il suo rapporto con la spiritualità. Sei testi teatrali che descrivono diverse condizioni esistenziali; pretesti per esaminare il tema della felicità nell’ottica storica, filosofica, psicologica, astrologica ed esoterica. Conferenzieri: Duska Bisconti, Amalia Margherita Cirio, Daniele De Paolis, Andrea De Pascalis, Claudio Maddaloni, Stefania Porrino, Enrico Ruggini. Segue aperitivo.

LO SPAZIO LETTERARIO
a cura di
Duska Bisconti-Roberta Marcucci- Maria Libera Ranaudo


16 dicembre, 20 gennaio, 17 febbraio,  24 marzo, 21 aprile
Lo Spazio Letterario: incontro mensile del sabato pomeriggio in cui si leggono brani delle novità in libreria di Lisa Gastoni, Raffaella de Rosa, Fabrizio Guarducci, Igor Patruno, Henrick Sienkiewcz e si sbircia fra le opere del passato che raccontano gli stessi argomenti come per verificare se l’umanità è cambiata rispetto al passato. Con aperitivo e letture a cura delle organizzatrici e in collaborazione con: edizioni Fahrenheit, Ponte Sisto, Lorenzo de’ Medici Press.


MARATONA CORTI CINEMATOGRAFICI AL TEATRO LO SPAZIO
3 ottobre
a cura di Pietro De Silva

Nel corso della lunga serata verranno presentati cortometraggi sia di promettenti giovani registi,che di navigati filmakers.
La scelta artistica è quella di raccontare storie piene di riflessioni, valori, maturità e consapevolezza.
Fra i vari scopi dell’iniziativa c'è anche quello di  sensibilizzare il pubblico  ,sul tema della multiculturalità come fonte positiva di conoscenza e di crescita sociale, contro l’insofferenza verso la diversità etnica, culturale e religiosa.